Una striminzita sanatoria non abolirà lo sfruttamento lavorativo in agricoltura. Restano irrisolte le sue cause strutturali: l’assenza di trasporti, alloggi e collocamento per i braccianti e lo strapotere dei supermercati. Ecco cosa (non) ha fatto la ministra Teresa Bellanova
Non ci sono solo le accuse di aver diffuso la pandemia. Gli Stati Uniti portano avanti una guerra commerciale ed economica contro Pechino sempre più dura. E il livello di fiducia reciproca tra i due Paesi non è mai stato così basso dal 1979
Lo shock economico da pandemia penalizza i giovani in un Paese dove la disuguaglianza intergenerazionale è già molto forte. Mentre rimane invariata la disponibilità di reddito per la popolazione anziana, per quella attiva si riducono le occasioni di lavoro e guadagno
La povertà che attanaglia zone di Roma non è storia di oggi. Ma la quarantena ha reso evidente che è una metropoli diseguale non solo per disponibilità di reddito quanto soprattutto per le diverse opportunità offerte ai suoi abitanti di realizzare se stessi
La vita lavorativa aumenta e con essa le forme di sfruttamento e di precariato. Per non dire della disoccupazione. Per questo la diminuzione dell’orario di lavoro a parità di salario è un tema decisivo
Delfini che fanno evoluzioni nei porti. Lepri e cigni a passeggio lungo le strade. Rinomate spiagge, località turistiche e parchi urbani, sempre affollati, improvvisamente deserti. L’economia è vitale, ma quando tutto ripartirà non siano sacrificati come sempre i territori
Si moltiplicano le voci di chi, Draghi in testa, invoca l’intervento dello Stato affinché si accolli le perdite del settore privato. Sorge spontanea la domanda: l’unico scopo è il salvataggio ad ogni costo del sistema? Oppure si conviene che è arrivato il momento di cambiare rotta?
Le banche devono emettere moneta senza vincoli, ha detto l’ex presidente della Bce, finora un paladino dell’ortodossia. Da qui la necessità di una revisione dei trattati vigenti dell’Ue
Une crise bien pire que celle de 2008 éclatera dans le Vieux Continent. Au niveau des politiques monétaires et fiscales, l’UE fait son possible. Mais cela ne suffira pas. Pour faire repartir la production et éviter la faillite de l’Italie, un mouvement décisif vers des formes de fiscalité partagée est nécessaire