Una massa di docenti disperati e plurititolati preme per passare di ruolo. Ma il caos e i conflitti dipendono dalle diverse politiche adottate negli anni dai ministri dell’Istruzione.
Nel ddl della Buona scuola, l'autonomia esaltata dal premier Renzi appare un invito all'arte di arrangiarsi.
Ormai "ultras" renziano Luigi Berlinguer esalta il cambiamento senza spiegare come deve essere. E dimentica che alcuni dei guai attuali dipendono dalla sua riforma.
L’istruzione come bene pubblico e garanzia di uguaglianza appare sempre più a rischio sotto il governo Renzi. Lo provano la “lettera dei 44” e il ruolo dato alle famiglie.
Alla kermesse del Pd sulla “scuola che cambia”, il presidente del Consiglio dipinge scenari suggestivi sull’istruzione del domani. Bacchettando gli insegnanti.
Negli ultimi anni è avvenuto un processo di precarizzazione impressionante nell’università: i docenti strutturati sono calati del 20% mentre i diversi contratti a tempo determinato sono raddoppiati, con il risultato che oggi meno del 50% del personale universitario che svolge didattica e ricerca ha contratti a tempo indeterminato.
Un dossier curato da Paolo Latella, segretario Unicobas Lombardia, analizza le pratiche in corso in molti istituti paritari cattolici. Con insegnanti sottopagati e sfruttati.
Dai governi di centrodestra a quelli di centrosinistra il valzer degli esperti, tra liberismo e pragmatismo. E adesso il contentino della partecipazione al sondaggio online.
A un mese del lancio della lettera aperta “Hanno scelto l’ignoranza” che ho scritto con un gruppo di scienziati di diversi Paesi, è tempo di fare un primo bilancio.