Home BUNDLE Contro ogni fascismo
In offerta!

Contro ogni fascismo

29,70 19,80

3 LIBRI + SPEDIZIONE (3-6 giorni) INCLUSA

COD: BUNDLE1-3 Categoria:

Descrizione

Violenza di genere, xenofobia, razzismo: nunca más, mai più!
Dalla biblioteca di Left 3 libri che, da punti di osservazione differenti, indagano sulle radici culturali e le dinamiche psicologiche dell’odio e della negazione fino all’annullamento dell’altro, del diverso da sé

Contro la violenza sulle donne
Non basta l’8 marzo, non basta la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si celebra ogni anno il 25 novembre. Left non spegne mai i riflettori su questo drammatico tema, svolgendo un costante lavoro di approfondimento e di denuncia. Cercando di indagare le radici storico-culturali e patologiche di femminicidi e stupri ma anche di smascherare quella violenza invisibile che spesso si esplica come negazione e annullamento dell’identità femminile nella società e nella vita privata. In questo libro abbiamo raccolto interventi di autorevoli studiosi, storici, filosofi, sociologi, psichiatri che negli anni hanno contribuito a fare di Left un settimanale all’avanguardia su tali tematiche.

Il falso mito degli italiani brava gente. Il colonialismo, la Libia e i crimini fascisti
«Venne da noi un italiano e ci fece una dichiarazione. Ancora ricordo come disse, come se stesse parlando in questo momento: “Voi siete della Muhafiziya, voi siete mujahidin, e il Governo era intenzionato ad uccidervi. Qui morirete dieci alla volta ed il Governo non sprecherà neanche un colpo di fucile per voi”». Dalla deposizione dello haji Abd Elnebi al Shaafi, prigioniero tredicenne ad Al Agheila, raccolta nel 2008 dal Centro libico per gli Studi storici e gli Archivi nazionali, quando lui aveva novant’anni. (La Muhafiziya era il nome con cui gli arabi definivano il movimento di resistenza: La Difesa, dal verbo Hafadha: proteggere, difendere)

Mai più. La vergogna italiana dei lager per immigrati
C’è un dato scomparso dalla storia ufficiale, quello di coloro che in Italia hanno perso la vita a causa della detenzione forzata nei centri per immigrati. Luoghi in cui non valevano e non valgono nemmeno le garanzie dei regolamenti penitenziari, spazi pensati esclusivamente come zoo temporanei per persone…

 

 

Commenti

commenti